MIUR -  Universitā, Ricerca Scientifica e Tecnologica, Alta Formazione Artistica e MusicaleHome MIUR
Ricerca nel sito
 
Vai alla Ricerca Avanzata
Mappa del sito
Guida al sito
_ Divisore Grafico
_  Entra inHome Entra inPubblicazioni Entra inUniversitā & Ricerca Informazioni Entra in1997  - Sezione corrente

  Entra in 1 Divisore Grafico
_


Con preghiera di diffusione

 

  Università & Ricerca Informazioni

Quindicinale del Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica

Numero 1
Roma, 18 novembre 1997

I documenti ufficiali sono consultabili via Internet sul sito
http://www.miur.it

 

Sommario


PRESENTAZIONE

Decreti, proposte di legge, regolamenti, progetti di riforma, attività dei dipartimenti e dei gruppi di lavoro, circolari: in un ministero ogni giorno, accanto all’ordinaria amministrazione, maturano iniziative importanti che spesso passano inosservate. Soltanto quelle più "clamorose" riescono infatti a superare lo sbarramento di un’informazione attenta sempre più al lato spettacolare della notizia. Da questa considerazione nasce la newsletter "Università & Ricerca Informazioni", che intende fornire agli addetti ai lavori notizie di prima mano su quanto di nuovo matura al Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica.
L’università italiana, dopo decenni di immobilismo, vive un momento cruciale. Si sta completando il processo di autonomia degli atenei, premessa indispensabile per razionalizzare e qualificare l’offerta formativa e per entrare a pieno titolo nel sistema universitario europeo. Anche il mondo della ricerca è alla vigilia di radicali riforme, che permetteranno di valorizzare a livello internazionale un settore ricco di professionalità a lungo trascurate.
Seguiremo passo a passo questo processo di fondamentali trasformazioni con un notiziario che non intende essere un bollettino ufficiale, bensì un agile e utile strumento informativo. All’insegna della trasparenza e della tempestività. Chi vorrà saperne di più, potrà accedere alla ricchissima home page del Murst contenente tutti i documenti ufficiali.

News

Autonomia didattica:
primo documento

Con un rapporto trasmesso al Ministro Luigi Berlinguer il 23 ottobre si è conclusa la prima fase delle attività del Gruppo di lavoro ministeriale su "Autonomia didattica e innovazione dei corsi di studio di livello universitario e post-universitario". Il Gruppo, coordinato da Guido Martinotti dell’Università Statale di Milano, è stato istituito nel quadro dell’azione di riforma del Murst tesa a delineare, come si legge nel rapporto, "i criteri minimi generali ai quali devono attenersi gli atenei, liberi peraltro di estendere la propria azione al di là di questi confini". La riforma della didattica, in pratica, attribuirà alle singole università il potere e la responsabilità di definire autonomamente i percorsi degli studi, pur entro una cornice di criteri generali stabiliti a livello centrale. Il documento si articola in tre parti. Nella prima vengono delineate le premesse e le condizioni istitituzionali e intellettuali in cui si sono svolti i lavori. La seconda parte elenca e spiega una serie di principi organizzativi ai quali si è attenuto il Gruppo. La terza parte del documento riguarda una serie di proposte specifiche e fortemente innovative su crediti didattici, struttura dell’ordinamento didattico, valutazione, orientamento, coordinamento territoriale e differenziazione competitiva, collegamenti con altri sistemi europei, conoscenze per il governo del sistema. Sulle proposte inviate al Ministro e sui documenti preparatori del Gruppo di lavoro si apre ora un’ampia fase di confronto che coinvolgerà tutte le componenti universitarie.
Documento in Internet

Scuola di specializzazione
per le professioni legali

Dal prossimo anno accademico le università sedi delle facoltà di Giurisprudenza istituiranno le Scuole di specializzazione biennale per le professioni legali. Lo stabilisce il decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri il 5 novembre scorso. Le Scuole dovranno garantire un numero di posti non inferiore al 10 per cento del numero complessivo dei laureati in Giurisprudenza nell’anno accademico precedente, tenendo conto anche dei posti resisi liberi negli organici dei magistrati e dei notai. Si rinnova anche il concorso in magistratura: lo stesso decreto semplifica infatti le norme del concorso per uditore giudiziario.
Documento in Internet

Borse di studio
120 miliardi nel 1998

Via libera alle erogazioni del Fondo integrativo da ripartire tra le Regioni per prestiti d’onore e borse di studio. Il 19 settembre la Corte dei conti ha registrato il relativo Dpcm, che consente ora l’erogazione da parte del Murst di un acconto pari ai primi due trimestri. Il saldo è previsto entro ottobre. Intanto, un ulteriore passo per allargare la platea dei beneficiari delle borse per il diritto allo studio universitario si concretizzerà il prossimo anno. Il Fondo, con l’incremento del 50 per cento previsto nel disegno di Legge Finanziaria 1998, salirà infatti a 120 miliardi di lire per ciascuno degli anni 1998-2000, secondo i criteri fissati dal Dpcm del 30 aprile scorso valido per il triennio 1997-1999. Per garantire una efficace attuazione di quanto previsto al proposito dal Dpcm, è stato istituito uno speciale Gruppo di lavoro interministeriale Murst-Ministero delle Finanze. Ciò consentirà di arrivare in tempi rapidi alla stipula della convenzione prevista dal decreto stesso.
Documento in Internet

Procedure più snelle
per le donazioni agli atenei

Anche le Università e gli istituti di istruzione universitari potranno accettare donazioni, eredità e legati senza alcuna autorizzazione. Finora l’accettazione era subordinata al sì governativo. E’ questa un’altra importante tappa nel processo di semplificazione burocratica introdotto dalla Legge 127/1997 "Misure urgenti per lo snellimento dell’attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo", art. 13. In una nota esplicativa inviata ai rettori, il Sottosegretario all’Università, Luciano Guerzoni, ha chiarito alcuni dubbi sorti nella interpretazione dell’articolo 13 della Legge.
Circolare ministeriale in Internet

Dottore di ricerca: titolo
rilasciato dal rettore

Il rettore dell’Università presso la quale si è svolto il corso, e non più il Ministro dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica, rilascerà in futuro il titolo di dottore di ricerca. Il titolo inoltre avrà efficacia immediata poichè si conseguirà al superamento dell’esame finale, evitando così lunghe e inutili attese. Lo snellimento delle procedure, reso possibile dalla Legge 59/1997, riguarda anche le modalità di nomima delle commissioni giudicatrici, che diventano di competenmza diretta dei singoli atenei, senza quindi interventi del Ministro e del Cun. I regolamenti relativi sono stati approvati dal Consiglio dei ministri il 1° ottobre 1997.
Regolamenti in Internet

Chiamata diretta in cattedra
anche per gli italiani

Anche gli studiosi di chiara fama italiani, e non più soltanto gli stranieri, possono essere nominati professori ordinari per chiamata diretta delle università. Lo dispone il Dm 25 luglio 1997 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 5 agosto 1997) in attuazione dell’art. 117, comma 112, della legge n.127/97 (legge Bassanini). La proposta di chiamata, deliberata con la maggioranza dei due terzi dei professori ordinari del Consiglio di facoltà, sarà trasmessa al Ministero dell’Università e della ricerca scientifica e tecnologica che, sentito il Consiglio universitario nazionale, autorizzerà la chiamata. Dopodichè il Rettore disporrà la nomina a professore con proprio decreto.
Decreto in Internet

Presentato il Piano
dell’Agenzia spaziale

Presentato a Torino, al 48° Congresso internazionale di Astronautica, il Piano quinquennale dell’Asi, Agenzia spaziale italiana. Gran parte degli investimenti sarà destinata alla ricerca scientifica, all’osservazione della Terra con sistemi avanzati e alla partecipazione italiana alla stazione internazionale Alpha. Il Ministro Luigi Berlinguer, intervenuto alla giornata inaugurale del Congresso, il 6 ottobre scorso, ha detto che il rilancio dell’Asi è "uno dei capisaldi del progetto di riordino della ricerca nazionale".

Settimana della cultura
scientifica e tecnologica 1998

"Le immagini della scienza e della tecnica" è il tema dell’ottava edizione della Settimana della cultura scientifica e tecnologica, che si terrà dal 23 al 29 marzo 1998. Il Murst intende dare un ulteriore impulso e rilievo alla manifestazione, che coinvolge università, scuole, enti di ricerca, musei, associazioni, aziende e amministrazioni locali. Gli enti e gli istituti interessati a partecipare con proprie iniziative dovranno trasmettere al Ministero entro il 15 dicembre la scheda informativa.
Circolare in Internet

Obiettivo autonomia:bilancio di un anno e mezzo
di governo dell’università

Semplificazione burocratica. Via libera alla riforma dell’ordinamento universitario. Attraverso le leggi 59/97 e 127/97 (snellimento delle procedure amministrative e decentramento) è stato avviato un radicale processo di semplificazione amministrativa, tappa decisiva per il completamento dell’autonomia universitaria.

Diritto allo studio. Uniformità di trattamento ai fini dell’erogazione delle borse di studio (attraverso il cosiddetto redditometro universitario) e graduazione della contribuzione a carico degli studenti: questi i principali obiettivi raggiunti con le nuove normative per il diritto allo studio, che consentono tra l’altro nell’anno accademico appena iniziato la concessione di 75.000 borse di studio e di 120.000 esoneri da tasse e contributi.

Accesso all’Università e orientamento. Con la revisione della disciplina dell’accesso agli studi universitari è stato risolto il contenzioso sul numero chiuso. Avviato anche un progetto di orientamento che si propone di eliminare il fenomeno dell’elevatissimo tasso (circa il 65 per cento) di abbandoni universitari. Punti cardine del progetto, che coinvolgerà anche le scuole secondarie, saranno le preiscrizioni (che consentiranno di adeguare per tempo l’offerta formativa degli atenei) e i corsi universitari di livello iniziale.

Megatenei. Per decongestionare le università eccessivamente affollate sono stati firmati (in attuazione alla legge 662/1996) appositi protocolli d’intesa e accordi di programma con le università statali di Milano, Napoli Federico II, Torino, Bologna e con i politecnici di Milano e di Torino. Primo risultato di tali accordi sarà tra breve la nascita della Seconda università Statale di Milano. Per quanto riguarda l’Università di Roma La Sapienza, è stato per il momento disposto lo sdoppiamento della facoltà di Medicina.

Sviluppo universitario. Nel dare attuazione al piano triennale di sviluppo 1994-1996, costituendo i nuovi atenei del Piemonte orientale, di Varese-Como, di Benevento e di Catanzaro, sono stati contestualmente riformati criteri, procedure e obiettivi della programmazione dello sviluppo universitario. Per dicembre è prevista l’approvazione del nuovo Piano di sviluppo 1998-2000. Punto qualificante del nuovo piano triennale, che porrà fine alla proliferazione indiscriminata di nuove sedi, sarà la qualificazione del sistema universitario, con un un preciso riferimento agli standard europei.

Rappresentanza universitaria. Tre i punti fermi raggiunti: a) la riforma del Consiglio universitario nazionale, che esce finalmente da un lungo e sconcertante regime di proroghe; 2) l’istituzione del Consiglio nazionale degli studenti universitari, di prossima elezione da parte dell’intera popolazione studentesca; 3) il riordino dei Comitati regionali di coordinamento universitario.

Ricerca. Avviata la riforma del sistema della ricerca, in base alla legge 59/97 (delega al Governo a "riordinare e razionalizzare gli interventi diretti a promuovere e sostenere il settore della ricerca scientifica e tecnologica nonchè gli organismi operanti nel settore"). La riforma sarà realizzata attraverso la predisposizione, entro il luglio 1998, di una serie di decreti delegati. Dopo molti anni è la prima volta che la ricerca scientifica e tecnologica viene considerata in maniera strategica come un ambito decisivo per il Paese.

Autonomia e concorsi universitari. Dopo l’approvazione da parte del Senato procede alla Camera l’esame del disegno di legge sui concorsi universitari. Il reclutamento dei docenti e dei ricercatori è concepito in senso radicalmente autonomistico. La riforma rientra nell’impegno programmatico di portare a compimento il processo autonomistico delle università, già titolari dell’autonomia statutaria e finanziaria (leggi 168/1989 e 537/1993). In attuazione della legge 127/1997 verrà ad aggiungersi tra breve l’autonomia didattica.

Offerta formativa post-laurea. Oltre alle scuole di specializzazione per le professioni forensi e per l’accesso alla magistratura, partono anche le iniziative per la formazione degli insegnanti della scuola primaria e per la specializzazione abilitante degli insegnanti della scuola secondaria.

Valutazione del sistema universitario. Forte impulso è stato dato all’Osservatorio per la valutazione del sistema universitario, le cui funzioni saranno ulteriormente potenziate nel quadro dell’istituendo Sistema nazionale per la valutazione della didattica e della ricerca universitaria, nonchè dell’efficienza delle strutture gestionali dell’amministrazione universitaria.

Informazione e trasparenza. E’ stato attivato un sistema di informazione telematica via Internet, che raccoglie e aggiorna in tempo reale informazioni e documenti ufficiali relativi alle attività e alle iniziative del Ministero. Potenziata anche la rete Garr per la ricerca universitaria.




Per ogni altra informazione si prega di contattare l'Ufficio relazioni con il pubblico del Ministero (urp@miur.it, tel. 0659912357, fax 0659912538). Per i giornalisti è disponibile come sempre l'ufficio stampa.


Università & Ricerca Informazioni

Quindicinale del Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica

Anno I - Numero 1 - Roma, 18 novembre 1997

 

 


 
   

Divisore Grafico

Home MIUR
HOME - Ricerca Scientifica e Tecnologica - Alta formazione Artistica e Musicale - Università
Documenti - Atti Ministeriali - Normativa - Studi e documentazione
Eventi - Comunicati stampa - Manifestazioni e convegni - Pubblicazioni
Ministero - Organizzazione URST - URP - Ufficio di Statistica - Organi
Divisore Grafico