MIUR -  Universitā, Ricerca Scientifica e Tecnologica, Alta Formazione Artistica e MusicaleHome MIUR
Ricerca nel sito
 
Vai alla Ricerca Avanzata
Mappa del sito
Guida al sito
_ Divisore Grafico
_  Entra inHome Entra inComunicati Stampa Entra in2000  - Sezione corrente

  Entra in IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA RICERCA, ON. ANTONINO CUFFARO, DISCUTE CON I COLLEGHI EUROPEI DELLE PROSPETTIVE DELLA RICERCA COMUNITARIA IN MATERIA DI FUSIONE NUCLEARE Divisore Grafico
_


COMUNICATO STAMPA

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA RICERCA, ON. ANTONINO CUFFARO, DISCUTE CON I COLLEGHI EUROPEI DELLE PROSPETTIVE DELLA RICERCA COMUNITARIA IN MATERIA DI FUSIONE NUCLEARE
 




        Intervenendo alla riunione informale dei Ministri europei della Ricerca, convocata oggi a Bruxelles per affrontare i temi delle prospettive europee nella ricerca in fusione nucleare e della partecipazione dell’Unione al programma ITER, l’On. Cuffaro ha anzitutto sottolineato l’attualità e l’urgenza di questo scambio di vedute alla vigilia del più ampio negoziato che interesserà preso la formulazione del VI Programma Quadro di R&ST.

        Secondo il Governo italiano, ha aggiunto Cuffaro, al fine di pervenire ad una decisione definitiva sulla strategia da seguire, occorre impegnarsi con determinazione nell’approfondimento sia degli aspetti finanziari del programma, sia di tutte le opzioni tecnologiche complessivamente al vaglio della comunità scientifica internazionale.

        In questa fase, anzi, dovrebbero essere prese in considerazione anche soluzioni alternative rispetto ad ITER, proprio per avere un quadro completo di tutte le possibilità (basso campo, alto campo, macchina superconduttrice e non) e poter scegliere con piena consapevolezza. Questo non significa, nell’ottica italiana, né un rifiuto della prospettiva di lungo termine della fusione – che continua a costituire un settore di ricerca fondamentale per lo sviluppo autonomo e competitivo nel continente europeo – né tantomeno un abbandono delle attività di ricerca attualmente in corso.

        In ogni caso, ha proseguito il Sottosegretario, tale obiettivo deve inscriversi nel più generale disegno dello "Spazio europeo della ricerca" e non comprimere eccessivamente le risorse destinate al prossimo Programma Quadro comunitario.

        La necessità di una rinnovata valutazione di tutti gli elementi in grado di chiarire il quadro di riferimento strategico è stata condivisa dagli altri Ministri e dal Commissario Europeo Busquin.

        Quest’ultimo, mostrando di recepire nella sostanza la posizione italiana, ha assicurato che la prossima proposta della Commissione terrà conto dei reali oneri finanziari di una posizione europea di "leadership" in seno ad ITER, dell’incidenza di tali costi sulla strategia complessiva della ricerca europea e del più generale scenario tecnologico e di cooperazione internazionale in materia di fusione controllata.
 


19 gennaio 2000

 
   

Divisore Grafico

Home MIUR
HOME - Ricerca Scientifica e Tecnologica - Alta formazione Artistica e Musicale - Università
Documenti - Atti Ministeriali - Normativa - Studi e documentazione
Eventi - Comunicati stampa - Manifestazioni e convegni - Pubblicazioni
Ministero - Organizzazione URST - URP - Ufficio di Statistica - Organi
Divisore Grafico