MIUR -  Università, Ricerca Scientifica e Tecnologica, Alta Formazione Artistica e MusicaleHome MIUR
Ricerca nel sito
 
Vai alla Ricerca Avanzata
Mappa del sito
Guida al sito
_ Divisore Grafico
_  Entra inHome Entra inComunicati Stampa Entra in1999  - Sezione corrente

  Entra in Sì del Senato alla legge di riforma di accademie e conservatori Nasce il comparto dell'alta formazione artistica e musicale Divisore Grafico
_


COMUNICATO STAMPA

Sì del Senato alla legge di riforma di accademie e conservatori

Nasce il comparto dell'alta formazione artistica e musicale 



 
 
 
 
 
 

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO PROF. LUCIANO GUERZONI


Guerzoni: "I titoli di studio avranno un regime di equipollenza analogo a quello dei titoli universitari. Assicurata la libera circolazione in Europa"

 

Approvata oggi, in sede deliberante, dalla VII commissione del Senato la legge di riforma delle Accademie di belle arti, dell’Accademia nazionale di danza, dell’Accademia nazionale di arte drammatica, degli istituti superiori per le industrie artistiche, dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati.


All’uscita dalla commissione, il Sottosegretario al ministero dell’Università, Luciano Guerzoni, ha espresso "viva soddisfazione" per il voto unanime con cui la legge è stata approvata ed ha dichiarato: "Nasce finalmente un nuovo comparto del nostro sistema di istruzione superiore: il comparto dell’alta formazione e specializzazione artistica e musicale. Il provvedimento – ha aggiunto Guerzoni – giunge al termine di un’attesa di tre legislature e passa ora all’esame della Camera per l’approvazione finale. Si pone così fine allo stato di abbandono in cui accademie e conservatori sono stati tenuti per decenni. Si pongono finalmente le premesse affinché la formazione artistica e musicale italiana sia portata ai livelli degli altri paesi europei. Se la nuova legge sarà approvata anche dalla Camera, si porterà a compimento la complessiva riforma del nostro sistema di istruzione superiore, prevedendo tre comparti pienamente autonomi, sebbene tra loro integrati: 1- il comparto della formazione universitaria; 2- quello dell’alta formazione artistica e musicale; 3- quello della formazione superiore integrata, disciplinato dalla recentissima legge 144/99 (collegato sviluppo e occupazione). Il ridisegno ci mette al passo con l’Europa e garantisce gli elementi di specificità della formazione culturale e professionale propri della tradizione delle accademie e dei conservatori".


"I nuovi percorsi formativi delle accademie e dei conservatori – ha concluso Guerzoni – saranno caratterizzati dall’articolazione in più cicli e dalla stessa autonomia e flessibilità prevista dalla riforma dei corsi universitari. I titoli di studio che gli studenti conseguiranno avranno un regime di equipollenza analogo a quello previsto per i titoli universitari e ne saranno finalmente assicurati il riconoscimento e la libera circolazione in ambito europeo e internazionale".


14 luglio 1999

 
   

Divisore Grafico

Home MIUR
HOME - Ricerca Scientifica e Tecnologica - Alta formazione Artistica e Musicale - Università
Documenti - Atti Ministeriali - Normativa - Studi e documentazione
Eventi - Comunicati stampa - Manifestazioni e convegni - Pubblicazioni
Ministero - Organizzazione URST - URP - Ufficio di Statistica - Organi
Divisore Grafico